NICO SEVER

Ho marciato dalla camera di curvatura tempus primaria di Taegrin Caelum attraverso le fredde sale del castello, dirigendomi intenzionalmente verso lala privata di Agrona. I servitori si inchinavano e si stringevano alle mura mentre passavamo, e anche i molti soldati délite e i capi militari di alto rango si ritrassero per paura di me, come avrebbero dovuto. Non ero dellumore giusto per essere disturbato o interrotto; Volevo delle risposte e non sarei stato licenziato finché Agrona stesso non me le avesse consegnate.

Presi le scale a chiocciola verso le stanze di Agrona due alla volta, stringendo saldamente il polso di Cecilia mentre lei restava dietro di me. La scala si apriva su un androne che collegava il corpo centrale del castello con le stanze private di Agrona. A differenza delle fredde sale di pietra da cui eravamo appena arrivati, questa stanza risplendeva di una luce calda.

Le pareti erano ricoperte di manufatti e ricordi delle numerose vittorie di Agrona. Sparsi tra le reliquie e gli artefatti delle famiglie di alto sangue preferite di Agrona cerano ricordi più raccapriccianti: unala di fenice, montata in modo da essere spiegata, mostrando le piume che ancora luccicavano rosso e oro; un copricapo fatto di piume di drago perlate su una collana ornata di artigli e zanne; e un paio di corna di drago che spuntavano dal muro.

Mi sono fermato di colpo. La via da seguire era sbarrata.

”Sono qui per parlare con Agrona. Muoviti, Melzri.»

Laltra Falce si premette una mano sul cuore e lasciò che la sua bocca si aprisse beffarda. ”Ora è questo il modo di parlare con colui che ti ha addestrato e si è preso cura di te dopo che ti abbiamo riportato da quella piccola isola trasandata, fratellino? ”

Risi, lasciando che un intento omicida filtrasse nel corridoio decorato in modo fantasioso dove Melzri faceva la guardia. Anche se la guardavo male, lei ricambiava solo il sorriso, esattamente come aveva sempre avuto: perfetta pelle grigio-argentea, capelli bianchissimi intrecciati in una spessa treccia che le correva lungo la schiena, e labbra e occhi scuri che corrispondevano alle due paia di brillanti corna di onice che spuntavano dalla sua testa e si curvavano bruscamente allindietro, una coppia più piccola direttamente sotto due corna più grandi.

«Non sono tuo fratello», dissi in tono irritato. ”Cosa ci fai qui, comunque? ”

Mi ha fatto una risatina allegra, che sapeva che odiavo e che faceva solo per irritarmi. «Solo qualche affare vittoriano. Anche Viessa era qui, ma è andata via solo pochi minuti fa, mi dispiace dirlo.» I suoi occhi rosso-neri, del colore del sangue congelato, si spostarono per concentrarsi su Cecilia. ”Ah, la famosa eredità. Indossi bene la pelle della ragazza elfica, devo dire. Quei capelli sono da morire ”.

ringhiai, mettendomi tra Melzri e Cecilia. ”Sta zitto e lasciala fuori da tutto questo. ”

Ho sentito Cecilia trascinarsi accanto a me. ”Nico, va tutto bene. Perché non andiamo ad aspettare nelle nostre stanze? ”

Il sorriso di Melzri si acuì in un ghigno predatore. ”Cosa cè che non va, fratellino? Non disposto a condividere il tuo giocattolo… anche se, suppongo che sia davvero lanimale domestico dellAlto Sovrano, giusto? Il che ti fa… cosa? La sua tata? No… ” Melzri si mise una mano sulla bocca mentre lei fece unaltra risatina. ”Sei il suo giocattolo, penso… ”

”Non mi interessa quello che hai da dire, Melzri ”, dissi, cercando di sembrare che intendessi sul serio. Presi senza pensarci la mano di Cecilia, ma lei la schivò e la rabbia uscì da me come aria che mi esce dai polmoni.

Melzri vide, ma invece di prendermi in giro, mi rivolse unocchiata delusa e fece un passo indietro per bloccare la strada. «LAlto Sovrano non è disponibile a parlare con te in questo momento. Puoi aspettare qui o tornare nella tua stanza.»

”Questo è urgente- ”

Melzri tirò su col naso. «Mi sto solo prendendo cura di te, fratellino. Se fai irruzione lì e interrompi lincontro dellAlto Sovrano con Dragoth e il Sovrano Kiros, potresti ritrovarti con qualcosa di diverso dai tuoi piccoli sentimenti feriti.

Questo ha attirato la mia attenzione.

”Il Sovrano di Vechor è qui? ” Era raro che i Sovrani lasciassero i loro domini. Anche se sono stato portato in giro davanti a ciascuno di loro quando sono stato nominato Falce del dominio centrale, non avevo mai più incontrato nessuno di loro.

Melzri non si preoccupò di rispondere, e così le voltai le spalle e mi diressi verso langolo più lontano della stanza, vicino alla porta delle scale, dove rimasi in piedi e fissai un paio di lame di rubino abbinate, incrociate sulla cresta di qualche altosangue defunto da tempo.

I membri di questo antico sangue vedevano arrivare la fine per loro? Mi chiedevo. Si sentivano al sicuro nella loro nobiltà, come se si fossero ritagliati un posto in questo mondo, o aspettavano sempre che qualcuno gli mettesse un coltello nella schiena?

Ho rivisto di nuovo gli eventi allHigh Hall, cercando di dargli un senso. Non cera un solo dubbio nella mia mente che questo Ascender Grey biondo e dagli occhi dorati fosse davvero il mio Grey, nonostante il cambiamento di aspetto. Ma non capivo perché Agrona non mi avesse detto prima il nome.

Era una specie di test?

Ero stato testato spesso, e sperimentato su, e spinto al mio limite. A volte queste prove erano dolorose, perfino crudeli, ma mi avevano sempre reso più forte. Cera sempre un motivo.

Sospirai profondamente, non riuscendo a capire.

Cecilia mi aveva seguito, restando al mio fianco ma senza mai toccarmi, senza mai offrirmi conforto…

Avendo bisogno di guardare ovunque tranne Cecilia o Melzri, lasciai che i miei occhi vagassero fino al soffitto, dove un enorme affresco si estendeva per tutta la lunghezza della sala.

Mostrava il volo dei Vritra da Efeoto, raffigurando i draghi del clan Indrath come bestie mostruose che sciamavano in un cielo rosso sangue, mentre le persone – sia i minori che i basilischi del clan Vritra – si rannicchiavano dietro Agrona, qui mostrata in scintillante armatura di platino e irradiando una luce dorata che teneva a bada il drago…

”Nico…? ” chiese Cecilia da parte mia. Potevo sentire il suo sguardo sulla mia guancia, ma non mi voltai a guardarla. non potevo. Se lavessi fatto, ero preoccupato che avrei potuto rompermi.

Non avrebbe dovuto essere così. Avevo passato unintera vita a cercare di proteggerla, prima dal suo mostruoso ki e poi dalle tante persone che cercavano di usarla, e questa nuova vita era stata dedicata a completare il rituale della reincarnazione e a darle una seconda possibilità, ma quando Alla fine ce lavevo fatta, sembrava che tutto fosse andato storto per me.

Agrona una volta mi aveva adulato nello stesso modo in cui ora trattava Cecilia… ma era diventato sprezzante e sarcastico nei miei confronti. Mi aveva mandato allHigh Hall sapendo chi fosse veramente questo Ascender Gray. Deve averlo fatto, o perché altrimenti ha scelto me per andare, e con così poche informazioni? Ma non capivo le sue motivazioni. Non era altro che un gioco crudele?

Avrebbe dovuto dirmi quello che sapeva o sospettava.

La mia mente si allontanò da questi pensieri, rifiutandoli, perché indugiare lì significava dover riconoscere la paura strisciante che si stava insinuando nella mia mente, corrompendone ogni angolo oscuro. La paura era inaccettabile. Era debolezza. Le altre Falci, i Vritra… tutti potevano sentirne lodore, e mostrare paura qui significava essere divorati vivi.

”Nico ”, disse di nuovo Cecilia, muovendosi per essere nel mio campo visivo.

”Che cosa? ” dissi, più freddamente di quanto avessi voluto.

”Come… ” si interruppe, mordendosi il labbro. Dopo diversi lunghi secondi, fece un respiro profondo e riprovò. ”Voglio sapere della mia morte. ”

La mia mascella si strinse e digrignai i denti. Anche se volevo che capisse, volevo che odiasse Gray quanto me, non riuscivo a parlare.

”Vivere il ricordo di una morte può essere piuttosto traumatico ”, ha detto il ricco baritono di Agrona dalla fine del corridoio, annunciando il suo arrivo improvviso. ”Ma penso che tu sia pronta, Cecilia. ”

Melzri scivolò di lato, mettendola con le spalle al muro e tenendo la testa bassa. Gli occhi rossi di Agrona percepirono tutto quello che cera nel corridoio con un movimento facile, un movimento placido che sembrava quasi pigrizia, eppure seppi in quellistante che aveva letto tutto nella stanza. Si muoveva con una grazia senza fretta, ovviamente aspettandosi che il mondo si fermasse e aspettasse il suo arrivo. Quando passò accanto a Melzri, allungò una mano e fece scorrere un dito lungo una delle sue corna, ma per il resto la sua attenzione era tutta su Cecilia.

”Davvero… ” La mia bocca si chiuse di scatto a unocchiata dellAlto Sovrano, la mia argomentazione respinse prima che potesse lasciare la mia bocca.

Avrei voluto avvolgere Cecilia con un braccio, avvicinarla a me per consolarla e proteggerla, ma invece non ho fatto nulla mentre Agrona si avvicinava. Le scostò i capelli grigio canna di fucile e le posò le dita sulle tempie. Chiuse gli occhi mentre il suo corpo si irrigidiva.

Sebbene non potessi sperimentare direttamente ciò che lAlta Sovrana stava facendo nella sua mente, lo sapevo abbastanza bene. Agrona era un maestro della manipolazione diretta della mente, in grado sia di rimuovere che di alterare i ricordi, e anche in grado di controllare direttamente il corpo di unaltra persona in misura limitata. In quel momento, stava restituendo a Cecilia il ricordo della sua morte… in pochi istanti, lei lo avrebbe saputo.

Si sarebbe ricordata.

Respinsi lenergia nervosa e colpevole che mi attraversava il corpo. Sarebbe stato meglio se avessi potuto dirle tutta la verità dallinizio… ma era un rischio troppo grande. Sapevo che Agrona aveva distorto i ricordi che aveva ricevuto, mettendo in evidenza il mio ruolo nella sua vita e sminuendo quelli di Grey. Doveva solo avere qualcuno in questo mondo di cui potesse fidarsi completamente, implicitamente. Aggiustare quei piccoli ricordi si è assicurata che lei lo avesse… in me.

Questo ricordo, però, il ricordo della sua morte…nemmeno io lo volevo nella mia testa, e ho desiderato, non per la prima volta, che Agrona mi aiutasse a dimenticarlo. Neanche Cecilia avrebbe dovuto ricordarselo, ma doveva vedere, doveva sapere cosa era successo. Con Gray vivo, era solo questione di tempo prima che si incrociassero. Aveva bisogno di sapere chi fosse veramente. Non importava quanti nomi avesse preso o quante vite avesse vissuto… dentro, era sempre lo stesso Grey freddo ed egoista. Luomo che ha scelto la regalità sui suoi unici amici, la famiglia, nel mondo.

Non gli avrei permesso di portarmela di nuovo.

Cecilia cominciò a tremare. I suoi occhi rimasero chiusi, ma un gemito di dolore sfuggì dalle sue labbra. Le sue ginocchia minacciavano di cedere.

”Smettila, lei è… ”

Una forza schiacciante mi avvolse la gola, soffocando la mia supplica. Le mie mani mi artigliarono il collo mentre cadevo sulle ginocchia, ma Agrona non mi guardò nemmeno.

Cecilia stava cadendo, cadendo allindietro, ma lui la afferrò, la sollevò e la tenne tra le braccia come una bambina. ”Silenzio, Cecilia. Lo so, e mi dispiace caricarti della verità sulla tua morte. Riposa ora. ” Agrona abbassò la fronte fino a toccare quella di Cecilia. Ci fu una scintilla di magia, e il suo respiro divenne regolare e lento, e il piagnucolio cessò.

Melzri era al loro fianco e Agrona consegnò Cecilia, il mio Cecil, alla Falce. ”Portala nella sua stanza. Custodiscila finché non si sveglia, poi torna da Etril.»

”Come comandi, Alto Sovrano. ” Poi se ne andò marciando e portando con sé Cecilia.

Solo quando se ne furono andati il ​​pugno invisibile intorno alla mia gola si liberò. Tossii e soffocai, cadendo sulle mani e sulle ginocchia, senza fiato. Sentii laura oscura crescere dentro di me, arrabbiata e desiderosa di esplodere, ma la repressi completamente. Con lacrime di rabbia negli occhi, alzai lo sguardo su Agrona. Il suo viso era impassibile.

Dopo che la mia tosse si fu calmata, disse: ”Ti dimentichi di te stesso. Sei così terrorizzato allidea di perdere il tuo fidanzato per la seconda volta che la paura ti sta dilaniando dallinterno ”.

Alla fine mi alzai e alzai il mento per incontrare gli occhi di Agrona. ”Le stavi facendo del male. ” Mi sono quasi morsicato la lingua a metà per la frustrazione quando ho sentito la mia voce lamentosa e lamentosa. ”Hai giurato che avresti… ”

”Nico ”. Il mio nome lasciò le sue labbra come un giavellotto e sentii che mi trafiggeva da qualche parte nel profondo. ”Hai capito cosè Cecilia? Che cosè lEredità? ” Scosse la testa, le catene decorative appese alle sue corna tintinnavano dolcemente. La sua grande mano fredda mi sfiorò il lato del viso, ma non cera calore nel suo sguardo. ”Certo che no. Lei è il futuro. Ma tu, Nico… cè spazio in quel futuro – nel mondo che costruirò con Cecilia al mio fianco – per guerrieri, ma non per deboli inferiori che soccombono completamente ai propri impulsi ostinati.

Ho provato a deglutire. Mi si bloccava in gola, quasi come se mi stessero soffocando di nuovo, ma era solo la mia rabbia, paura e delusione… I miei impulsi ostinati, pensai amaramente. Non era giusto. La mia rabbia e la mia rabbia erano state coltivate fin da bambino, imbrigliate e trasformate in unarma da Agrona. Era la purezza della mia furia che mi rendeva potente. Senza esso…

Sapevo di aver raggiunto il picco come mago, che non potevo continuare a diventare più forte, e ovviamente anche Agrona lo sapeva.

Non ero stato un potente guerriero o utilizzatore di ki sulla Terra, non come Gray o Cecilia. Quando ho realizzato il mio potenziale in questo nuovo mondo, prima che i miei ricordi mi venissero strappati via e mi trasformassi in Elia e mandassi via, ero in estasi. La mia nuova vita non sarebbe come quella vecchia. Avrei potere, vera forza, fisica, politica e magica, e tutto grazie ad Agrona. Mi aveva dato tutto ciò di cui avevo bisogno: allenamento, elisir, le rune più forti, un corpo in grado di incanalare le arti del mana di tipo decadimento dei basilischi, per essere sicuro che sarei stato forte.

Ma ora, quelli a cui tenevo mi stavano ancora superando e mi lasciavano indietro. Ancora.

”Sai perché ti sei reincarnato? ” chiese Agrona voltandosi da me per guardare uno dei soprammobili appesi al muro. ”Ti sei reincarnato perché eri vicino a lei. Tu e Gray entrambi. Per massimizzare il potenziale della reincarnazione, per assicurarsi che lEredità fosse in grado di integrarsi completamente in questo mondo, si doveva formare una sorta di schieramento tra le sue vite. Avevo bisogno di ancore per trattenere e legare lo spirito dellEredità. Questo è tutto ciò che sei. ”

Non ho potuto fare a meno di scuotere la testa. ”No, hai detto… ”

”Vedi e incoraggi le bugie che dico a Cecilia, eppure non pensi che farei lo stesso con te? ” Agrona sorrise, unespressione disinvolta e disarmante che non mostrava alcun senso di colpa o rimpianto. ”Utilizzando ciò che ho imparato dalle Relictombs, ho guardato attraverso i mondi finché non ho trovato lEredità, e accanto a lei, tu e King Grey. ”

Sussultai, la mia rabbia divampò per il riferimento alla regalità di Grey, vinta togliendo la vita a Cecilia. ”Ma tu avevi bisogno di me. Lhai detto tu stesso. La reincarnazione di Grey ti ha mostrato come portarmi qui. Senza di me, tu…»

”Ho tentato prima la reincarnazione su Gray, è vero, ma la sua anima non è mai arrivata nel vascello prescelto. Un semplice errore di calcolo, ho pensato. Era ancora vivo, nel tuo pianeta natale, la Terra, mentre i miei preparativi per lEredità avevano assunto unanima passata dal suo involucro mortale. Agrona piegò leggermente la testa di lato, la lingua che scorreva sui canini aguzzi. ”Niente di tutto questo ha importanza ora, capisci? Non ha molto senso discuterne. Ma… suppongo di poterti assecondare, Nico, anche solo per vederti lottare per capire. ”

Lo guardai di rimando. Le sue belle parole – non crudeli o meschine, ma curiose e umilianti, come un genitore deluso che asseconda le idee sciocche del proprio figlio – tagliano più affilate di qualsiasi coltello, ma non lo mostrerei. Anchio potrei essere freddo e sprezzante se lo volessi. ”Dimmi. Merito di capire ”.

Agrona alzò le spalle larghe. ”Anche se posso spiegarlo, non posso fartelo capire. Prendendo ciò che avevo imparato dal tentativo di innescare la reincarnazione di King Grey, ho iniziato il processo della tua reincarnazione, nel corpo di un bambino appena nato da unimportante famiglia magica con un po di sangue Vritra persistente. Sei arrivato, come previsto.

Mantenendo il mio ritmo privo di emozioni, mi sedetti su una panca imbottita che correva lungo una parete del corridoio. Appoggiata al muro, incrociai le gambe e aspettai che continuasse.

”Ma avevo bisogno di due ancore ”, ha continuato, ”e Cecilia non era stata vicina a nessun altro. Ne abbiamo provati altri, ma nessuna delle loro anime era abbastanza forte da reincarnarsi, quindi alla fine ho messo da parte lesperimento. Senza le ancore appropriate, la reincarnazione dellEredità era un rischio troppo grande; non si potrebbe forgiare un vero vascello ”.

Ho ripensato alla mia infanzia ad Alacrya, allinfinita formazione e sperimentazione. Il pensiero di riavere Cecilia mi permetteva di sopportare qualsiasi tortura. Sebbene non avessi saputo tutta la verità sulla mia reincarnazione e sul mio scopo, lei era sempre stata la carota che Agrona penzolava davanti a me, promettendo che, se fossi diventata abbastanza forte, un giorno sarebbe stato in grado di reincarnarsi anche lei. Quella promessa mi ha impedito di impazzire.

”E io, allora? La mia infanzia? Tutto quello che mi hai fatto? ”

”Non sapevamo quali benefici potesse fornire la tua reincarnazione, quindi ti ho tenuto qui, ho ordinato che fossi cresciuto e addestrato tra i Vritra. Ti abbiamo messo alla prova, sperimentato su di te e hai dimostrato che unanima reincarnata era davvero straordinariamente potente. Ha mantenuto viva la mia speranza che, un giorno, avrei potuto tornare al mio piano, e lEredità sarebbe stata mia da controllare. E così… ”

”Arthur… ” Ho sentito una fitta mentre pronunciavo il nome, e i ricordi del nostro tempo insieme alla Xyrus Academy mi sono tornati in mente spontaneamente.

”Sì. Artù. In qualche modo è nato un Leywin, a un continente di distanza, al di fuori del mio dominio. Agrona scosse la testa con apparente divertimento, facendo tintinnare di nuovo i suoi ornamenti. ”Ah, Silvia. Sempre quello intelligente. Nascosto nelle terre selvagge di Dicaten, ferito a morte, eppure ancora una spina nel fianco.

«Solo quando Cadell lha trovata abbiamo scoperto la verità. Sono sicuro che Sylvia pensava di aver nascosto il ragazzo, ma nellistante prima che usasse la sua maledetta arte delletere per congelare il tempo, lui vide. Chi altro potrebbe essere? Quale bambino umano potrebbe essere così importante che Sylvia si prosciughi di energia e si riveli ai miei cacciatori per salvarli? Non appena ho saputo cosa era successo, lho capito ”.

«E così hai preso i miei ricordi e mi hai mandato a Dicaten, a Rahdeas…» La mia vita come Elijah era iniziata con i nani, una tabula rasa. Anche i miei veri poteri mi erano stati soppressi e nascosti. Mi chiedevo, ora, cosa sarei potuto diventare se quegli anni trascorsi come Elijah non mi fossero stati rubati.

Avrei comunque raggiunto lapice delle mie capacità così presto?

Non pensavo così. Agrona mi aveva rubato quel potenziale, tutto solo per avvicinarmi a Grey.

”Non potevi mandarmi come spia? Perché…» Deglutii a fatica. ”Perché prendere i miei ricordi? Perché prendersi quel tempo da me? ”

”Pensi che avresti potuto trattenerti dallattaccare Arthur nel momento in cui lhai visto? ” chiese con un sorrisetto provocatorio. ”Avresti potuto creare una vera amicizia e legame in questa vita, se portavi il pregiudizio della tua vecchia vita? ”

«Per Cecilia sì. Qualsiasi cosa», risposi, volendo disperatamente crederci, perché Agrona si sbagliasse.

”La tua rabbia era una variabile indesiderata. Perché dovrei correre un rischio inutile solo per il tuo bene? Prendendo i tuoi ricordi, la tua conoscenza della tua reincarnazione e nascita ad Alacrya, potrei riunirti in modo più sicuro, le due ancore per la reincarnazione dellEredità ”.

Mi presi la testa tra le mani e immaginai di strappare le corna di Agrona dal suo cranio e di affondarle nel suo petto, ancora e ancora finché non era rimasto più nulla di riconoscibile di lui. ”Come sapevi che lavrei trovato… Arthur? ”

Una mano pesante si posò sulla sommità della mia testa e chiusi gli occhi. ”Voi due eravate legati dal destino. Tu, Grey e Cecilia avete formato i tre punti della schiera. Ero certo che avresti trovato la tua strada luno per laltro. Ma ho messo in moto le mie spie, a prescindere, e hanno ampliato la nostra rete attraverso Dicathen, e ho aspettato.

”Sono passati anni prima che riemergesse a Xyrus. Ma la nostra gente era ben posizionata lì per trovarlo, e una volta che si era rivelato, i segni erano inequivocabili: impeccabile abilità con la spada, un mago quadrielementare, risvegliato a soli due anni. E portava una piuma di drago intorno al braccio ”.

«Limprovvisa insistenza di Rahdeas perché io diventi un avventuriero, nonostante la mia età…» borbottai, già comprendendo il resto. ”Ed è stata la nostra vicinanza con la principessa elfica, Tessia Eralith, che lha resa la nave perfetta per il ritorno di Cecilia. Proprio come sulla Terra… una ragazza che ha amato Gray per prima, che mi ha visto solo perché ero in piedi accanto a lui… ”

Le forti dita di Agrona si intrecciarono tra i miei capelli prima di alzare improvvisamente e dolorosamente la mia testa così che stavo fissando i suoi occhi scarlatti. ”Cosa ti aspettavi che accadesse, Nico? Che tu e lEredità vi sareste ritirati in una capanna nel bosco e avete vissuto il resto dei vostri giorni spensierati e pacifici, scherzando e copulando e dimenticando tutto quello che vi era successo? Dopo aver dedicato tanto tempo e risorse alla sua reincarnazione? No. Avevi uno scopo, che diligentemente, anche se inconsapevolmente, hai servito.

Mi lasciò e iniziò a camminare lungo il corridoio, ma non avevo ancora finito con lui.

”E Grey? ”

Agrona si fermò e si voltò, rivolgendomi una smorfia confusa, come se non riuscisse a capire perché avrei chiesto del mio arcinemico. ”King Grey… Arthur Leywin… Ascender Grey… il suo nome non ha più importanza, perché non ha più importanza. Il suo ruolo è completo, proprio come il tuo. Sospetto che sia sopravvissuto perché mia figlia in qualche modo si è sacrificata usando le arti eteriche della madre drago, il che mi sta bene. Sylvie è sempre stata il pericolo più grande del tuo piccolo amico quadrielementare.

”Ma come sapevi che questo ascendente era lo stesso Grey? Perché… ” Feci un respiro profondo, trattenendo quellimmagine di Agrona dissacrata ai miei piedi. ”Perché mandarmi alla High Hall se lo sapevi già? ”

«Me lha detto Seris qualche tempo fa» disse Agrona con nonchalance, come se si riferisse a qualche pettegolezzo banale e insignificante. «Pensava come te che Arthur fosse in qualche modo importante, che la notizia della sua improbabile sopravvivenza dovesse essere importante. Voi inferiori e le vostre sciocche lamentele. Da quando il servitore di Dragoth è stato ucciso a Dicathen, come si chiamava? Uto?—è stato, Lascia che lo uccida, Alto Sovrano! ”Oh no no, per favore, dammi lonore! ” Cè stato un tempo in cui avrebbe potuto essere una minaccia, forse, quando aveva gli asura in tasca, a causa di mia figlia, ma quel tempo è passato. ”

Ho sentito le fondamenta che avevano sostenuto il mio intero nuovo cambiamento di vita e iniziare a sgretolarsi sotto i miei piedi. In entrambe le vite, Gray era stato il mio migliore amico e il nemico più odiato. Ancor più di Cecilia, la sua stessa esistenza aveva completamente cambiato il corso delle mie vite. Non gli avrei semplicemente permesso di vivere, sapendo cosa aveva fatto.

E cosa potrebbe ancora fare, pensai. Finché Gray vive, Cecilia non è al sicuro.

Eppure Agrona lo congedò, congedò entrambi. Perché non capiva la minaccia che Gray rappresentava?

”Ti sbagli ”, dissi freddamente, alzandomi e avvicinandomi lentamente al torreggiante signore dei Vritra. Sorrise divertito. ”Per favore, permettimi di dare la caccia a Gray, Alto Sovrano ”, dissi, cercando di non implorare, ma ben consapevole di come le mie parole fossero uneco della sua imitazione beffarda. ”Pensavo che fosse morto una volta, ma in qualche modo è sfuggito alla mia vendetta. Fammi avere unaltra possibilità. Dopo tutto quello che mi hai fatto, me lo devi. Mi devi Grey. ”

Il sorriso di Agrona si contorse in qualcosa di aspro, quasi di compassione. ”Non ti è dovuto nulla. Ma se vuoi scappare e mettere in scena la tua vendetta, sii mio ospite. Forse ucciderlo farà qualcosa per placare il tuo eterno complesso di inferiorità. Ammesso che non ti uccida per primo.» Agrona si strinse nelle spalle come se davvero non gli importasse niente. «Prima, però, torna allEredità e solleva Melzri. E non dimenticare. Cecilia è il futuro. Assicurati che abbia tutto ciò di cui ha bisogno ”.

Agrona girò sui tacchi e si mosse con innaturale rapidità lungo il corridoio, lasciandomi a stufare nella mia delusione e rabbia. Non ho bisogno della tua approvazione. Troverò Grey. Lo troverò e lo ucciderò, e questa volta non tornerà.

点击屏幕以使用高级工具 提示:您可以使用左右键盘键在章节之间浏览。

You'll Also Like